ricerca immobili

2 marzo 2010

Sono nulle le ipoteche inferiori agli 8 mila euro

La Corte di Cassazione a sezioni unite nella Sentenza n. 4077 del 22 febbraio 2010 ha dichiarato nulla l’iscrizione ipotecaria sui beni immobili su debiti con importi inferiori ad € 8.000,00 e non anticipata da notifica dell’avviso d’iscrizione.

Infatti, la sentenza recita “Rappresentando un atto preordinato e strumentale all’espropriazione immobiliare, anche l’ipoteca soggiace al limite per esso stabilito, nel senso che non può essere iscritta se il debito del contribuente non supera gli 8.000 euro”.
La Corte ha cosi' rigettato il ricorso presentato da Equitalia Polis, condannata al pagamento delle spese legali, che aveva fatto scattare l'ipoteca sull'immobile di un contribuente di Castellamare di Stabia (Napoli) per sanzioni non incassate pari a 916 euro.
La Corte ha deciso dopo aver preso in esame cinque casi analoghi promossi da altrettanti contribuenti napoletani, tutti rappresentati dall'avvocato Angelo Pisani.
La Corte si e' pronunciata sul ricorso promosso da Equitalia Polis avverso una sentenza del giudice di pace che aveva riconosciuto come l'ipoteca sull'immobile di un contribuente di Castellammare di Stabia, nel Napoletano, e scattata per un credito non incassato pari a 916 euro, fosse impropria in quanto il credito reclamato non superava il limite minimo degli 8000 euro stabilito dall'articolo 77 della Legge n.602/1973.
La tesi sostenuta da Equitalia Polis e' che il limite fosse valido solo nella circostanza dell'esproprio immobiliare e non della semplice ipoteca.
source NOI CONSUMATORI

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it