ricerca immobili

12 marzo 2010

5^ edizione del Salone Immobiliare di Firenze

L'11 marzo inizia la quinta edizione del Salone Immobiliare di Firenze al Saschall di Firenze (Via Fabrizio De Andrè angolo Lungarno Aldo Moro).
La manifestazione, aperta a ingresso gratuito, durerà fino a domenica 14 Marzo 2010.


Dedicata al settore della proprietà immobiliare, al fine di promuovere le opportunità di investimento presenti sul territorio e si svolgerà tra l'11 e il 13 marzo 2010 attraverso workshop di incontri B2B fra operatori russi interessati ad opportunità localizzative e di investimento e le agenzie interessate. Gli incontri saranno organizzati secondo un’agenda prefissata di appuntamenti a cui potranno seguire, su richiesta degli operatori russi, visite alle opportunità di investimento.

Quest’anno, è prevista inoltre una forte partecipazione istituzionale:
l’ Ordine dei Notai e dei Geometri, la Camera di Commercio di Firenze con la Borsa Toscana, Adusbef (Associazione difesa consumatori e utenti bancari, finanziari e assicurativi) e l’Agenzia fiorentina per l’Energia.
Gli enti offriranno consulenze gratuite a tutti i visitatori, oltre a proporre seminari e approfondimenti legati alle tematiche del settore immobiliare.
Il Salone Immobiliare arriva in città


Il Salone Immobiliare arriva in città
Tanti visitatori e qualche protesta
Già nel primo giorno di fiera buona è stata l'affluenza di visitatori arrivati soprattutto per comprare, piuttosto che per vendere: coppie, anziani, donne sole ma soprattutto giovani. Tante le possibilità di acquisto e affitto: edifici residenziali ad uso abitativo, immobili commerciali, ma anche la possibilità di fare un investimento per un immobile all'estero (a Panama).

Al Salone sono presenti infatti tutte le categorie necessarie a trovare una soluzione abitativa: costruttori e cooperative edili, agenzie immobiliari, banche ed imprese edili per le ristrutturazioni.
«Nel confronto con le passate edizioni l'attuale contrazione del mercato viene evidenziata dalla diminuzione della presenza delle banche; considerata la propensione media dei cittadini italiani a stipulare mutui, appare comunque, almeno per gli istituti bancari presenti sul territorio, una scelta discutibile», ha dichiarato il consigliere delegato del Salone Immobiliare Fabio Giorgetti.
source LA NAZIONE

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it