ricerca immobili

21 giugno 2009

Roma, le case più costose d' Italia e trovarle in affitto è un miraggio




Daniele Autieri
MATTONI come lingotti d' oro. Sono quelli usati per costruire le case di Roma, le più costose d' Italia secondo l' ultimo Rapporto Uil "Famiglia, reddito, casa". Comprare un' abitazione di 70 metri quadrati nella Capitale costa in media 424mila euro (6.057 al metro quadrato): 100mila in più di Venezia, 130mila in più rispettoa Milano, quasi il doppio di Firenze.
E se chi si accontenta della periferia può riuscire a spendere 318mila euro, chi ama il centro deve metterne insieme 584mila, 8.350 al metro quadrato. Insomma, il paventato crollo del mercato immobiliare ha solo lambito i confini della Città Eterna perché se nel secondo semestre 2008 i prezzi delle case sono diminuiti dello 0,3 per cento rispetto ai mesi precedenti, è anche vero che appena un anno prima - cioè all' inizio del 2007 - sarebbero serviti 20mila euro in meno per vedersi intestata la stessa abitazione di 70 metri quadrati.
I vertiginosi crolli del mercato statunitense o di quello spagnolo arrivano quindi come echi lontani, perché per vedere scendere i valori delle case è necessario spostarsi dal capoluogo agli altri capoluoghi del Lazio come Latina (prezzo medio 130mila euro), Frosinone (100mila), Rieti (105mila) e Viterbo (94mila).
Vivere nella Capitale diventa così sempre più un sogno per pochi, spesso inseguito puntando sull' abitazione in affitto piuttosto che sull' acquisto della casa.
Secondo un' analisi firmata Tecnocasa i canoni di locazione più elevati a livello nazionale sono proprio quelli romani, che nella seconda parte del 2008 hanno reagito all' aumento della domanda di affitto di appartamenti, legata principalmente alla maggiore difficoltà di accesso al credito per acquistare una casa.
Affittare un appartamento a Roma costa in media 1.656 euro al mese, rispetto ai 1.400 di Venezia e ai 1.020 di Firenze, le due città che la seguono in classifica. Il dato esprime comunque una media, che passa dai 1.260 della periferia ai 2.257 del centro.
Ma la rilevazione più significativa riguarda l' incidenza delle spese per la casa sul reddito delle famiglie. Mentre in Italia un nucleo di 4 persone spende mensilmente il 26,4 per cento del reddito, questa percentuale arriva al 63,9 per gli abitanti della Capitale.
Si tratta di una fetta importante della ricchezza cittadina interamente investita all' interno delle quattro mura domestiche, così elevata da rendere spesso difficile la gestione del menage familiare.
Non è infatti un caso se proprio nel Lazio si registra il numero più alto di sfratti (4.452, la maggior parte dei quali segnalati a Roma) contro i 3.168 della Lombardia o i 2.756 dell' Emilia Romagna. Sull' altro piatto della bilancia, a rendere ancora più gravoso questo bilancio, il dato dei contributi regionali a sostegno dell' affitto.
Rispetto ai 15 milioni di euro stanziati nel Lazio - rivela il Rapporto Uil - sono 30 quelli previsti dalla provincia autonoma di Bolzano, 18 dalla Puglia, 8 da Trento e 11 dal Friuli.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it