ricerca immobili

25 giugno 2009

Mutui, corsa al tasso variabile le famiglie tornano a rischiare

Allettati dai costi ridotti, si snobba il fisso. Una bolla pronta a scoppiare di nuovo
Ma le richieste totali crollano: in cinque mesi il 32 per cento in meno


Si comprano meno case, crollano i mutui, ma chi - comunque sia - decide di indebitarsi per investire nel mattone sceglie un prestito a tasso variabile piuttosto che uno a tasso fisso.
E' così che la crisi incide sul mercato immobiliare.

I numeri parlano chiaro: secondo dati Assofin, nel primo trimestre di quest'anno le erogazioni di nuovi mutui hanno registrato una flessione del 32,5 per cento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. "La fine del ciclo espansivo del mercato immobiliare e la crisi finanziaria - spiega Giuseppe Piano Mortari, direttore operativo di Assofin - ha fatto emergere una maggiore prudenza sia nella domanda di mutui, sia nella disponibiltà delle banche a concederli. Si sono ridotti gli importi e le durate medie dei finanziamenti, ma anche le operazioni che coprono oltre l'80 per cento del valore dell'immobile".

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it