ricerca immobili

1 maggio 2009

Casa: a Verona prezzi in flessione del 5,5%

Come prevedibile, la crisi ha colpito anche il mercato immobiliare: nelle principali città italiane è stata registrata una flessione media dei prezzi delle abitazioni che si attesta attorno al 7,8%.
L’ultimo studio sul mercato immobiliare di Ubh (United Business Holding) sulla base dei dati raccolti dalle agenzie Professionecasa e Grimaldi Immobiliare lascia da parte la prudenza per descrivere un mercato in forte crisi. Verona, tuttavia, si pone leggermente in controtendenza: presenta una flessione di 5,5 punti percentuali, inferiore al calo medio nazionale.
«L'eventuale rallentamento del ciclo di ricambio fra domanda e offerta», spiega il direttore dell'ufficio studi Alessandro Ghisolfi, «potrebbe lasciare poco spazio al mercato della sostituzione e allo sviluppo di nuove costruzioni. Sulla stessa lunghezza d’onda si trova anche il mercato immobiliare a Milano, dove nel primo trimestre i prezzi sono scesi del 5,2%. Scendono, invece, i prezzi delle case usate: «A soffrire maggiormente sono le case sotto i 400-450 mila euro nelle grandi città e sotto i 220-250mila nell’hinterland e nei piccoli comuni», aggiunge Ghisolfi. Quantificando in termini percentuali possiamo stimare che la domanda dei compratori "liquidi" oggi copre più del 50% del totale», conclude Ghisolfi.
Il calo ulteriore dei costi degli immobili era in qualche modo atteso: avanza, quindi, la tendenza già riscontrata nel 2008.
L'analisi compiuta dall’ufficio studi di Ubh si è concentrata, altresì, sull'impatto del piano casa sui piccoli centri, dov’è più facile aumentare le volumetrie. Secondo il testo sulle “Misure urgenti in materia di edilizia, urbanistica e opere pubbliche”«possono essere eseguiti senza alcun titolo abilitativo: interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, comprese le opere da realizzare all'interno delle singole unità immobiliari concernenti l'eliminazione, lo spostamento e la realizzazione di aperture e pareti divisorie interne che non costituiscano elementi strutturali, e sempre che non riguardino le parti strutturali dell'edificio, che non comportino aumento del numero delle unità immobiliari o che implichino incremento degli standard urbanistici».

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it