ricerca immobili

4 aprile 2009

Piano casa, accordo fatto. I contenuti del documento


Giorgio Santilli

Nella notte raggiunta l'intesa sul piano fra Governo e Regioni: ratificata dalla Conferenza unificata stamattina, arriva anche il sì del Consiglio dei ministri. Rinviata a venerdì prossimo, invece, l'approvazione del decreto legge che dovrà disporre le semplificazione di competenza statale: i ministeri interessati hanno chiesto più tempo per esaminare il provvedimento. Il cuore dell'intervento di rilancio dell'edilizia sarà però demandato alle leggi regionali che entro 90 giorni dovranno prevedere le regole per gli ampliamenti del 20% e per i premi di cubatura del 35% a chi demolisce e ricostruisce. Gli ampliamenti saranno possibili per edifici abitativi uni-bifamiliari ma anche per palazzine di volume inferiore ai mille metri cubi. Ampliamenti e demolizioni-ricostruzioni saranno possibili anche per edifici diversi da quelli residenziali, come industriali e commerciali.


Di seguito i contenuti principali dell'accordo sottoscritto fra Governo e Regioni. La parte delle semplificazioni da inserire nel decreto legge, inizialmente inserite nell'accordo, è stata poi stralciata, ma resta un punto di riferimento per il lavoro del Governo sul decreto legge.

GLI AMPLIAMENTI DEL 20%

- Ampliamenti del 20% previsti dalle leggi regionali che le Regioni si impegnano ad approvare entro 90 giorni (successivamente via a poteri sostitutivi con commissari ad acta)

- Possibile per edifici residenziali uni-bifamiliari o comunque di volumetria non superiore a 1000 mc

- Incremento complessivo massimo è di 200 mc

- Gli ampliamenti non possono riguardare edifici abusivi

- Obiettivo "migliorare la qualità architettonica e/o energetica" degli edifici

- Le regole e le "forme semplificate e celeri" saranno dettate dalle singole Regioni anche "attraverso piani/programmi definiti tra Regioni e Comuni"

- Le leggi regionali possono individuare ambiti nei quali gli interventi di ampliamento sono esclusi e altri ambiti in cui sono favoriti con opportune incentivazioni e premialità - Finalizzate alla riqualificazione di aree urbane degradate

- La disciplina regionale sarà limitata temporalmente a 12 mesi, salvo che le Regioni non dispongano diversamente.

DEMOLIZIONI E RICOSTRUZIONI CON PREMI DI CUBATURA DEL 35%

- Saranno disciplinate dalle leggi regionali che le Regioni si impegnano ad approvare entro 90 giorni (successivamente scattano poteri sostitutivi con commissari ad acta)

- Consentiranno la ricostruzione con volumetrie incrementate del 35%

- L'obiettivo deve essere il miglioramento della qualità architettonica, dell'efficienza energetica e utilizzo di fonti energetiche rinnovabili e secondo criteri di sostenibilità ambientale

- Le leggi regionali possono individuare ambiti nei quali gli interventi di ampliamento

- Sono esclusi e altri ambiti in cui sono favoriti con opportune incentivazioni e premialità finalizzate alla riqualificazione di aree urbane degradate

- La disciplina regionale sarà limitata temporalmente a 12 mesi, salvo che le Regioni non dispongano diversamente

DECRETO LEGGE - IPOTESI DI SEMPLIFICAZIONE

- Previsione di un termine certo per il rilascio delle autorizzazioni, permessi o altri atti di assenso comunque denominati, di competenza delle amministrazioni e organismi statali preposti, tra l'altro, alla tutela della sicurezza (ad esempio la prevenzione antincendi), del paesaggio, del demanio idrico e al sistema delle infrastrutture nazionali

- "Regionalizzazione" permanente delle autorizzazioni paesaggistiche in capo al ministero dei Beni e delle attività culturali

- Semplificazione della valutazione ambientale strategica (Vas)

- Procedure semplificate in zone sismiche in sostituzione dell'autorizzazione preventiva

- Introduzione dei principi fondamentali in materia di misure di perequazione e compensazione urbanistica

- Rilancio del programma di edilizia residenziale pubblica con un tavolo Governo-Regioni-Autonomie che disponga risorse aggiuntive ai 550 milioni già recuperati

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it