ricerca immobili

10 maggio 2007

Sardegna, tassa sul lusso per 300 mila turisti


Pagherà chi non ha la residenza nell'isola. Tassa di soggiorno dal 2008.
Via libera dal consiglio regionale alle norme che istituiscono imposte su seconde case, aerei e imbarcazioni.
Le tasse sul lusso sono legge. Il consiglio regionale della Sardegna ha approvato gli articoli della finanziaria che istituiscono le imposte su seconde case, aerei, imbarcazioni e ha anche dato via libera a un nuovo tributo: la tassa di soggiorno. Dopo più di un anno Renato Soru ha vinto la battaglia: prima lo stop al cemento nei 2 chilometri dalle coste, poi il piano paesaggistico, infine la tassa/lusso. La versione definitiva delle imposte conferma l'impianto originario, ma Soru ha dovuto concedere qualche riduzione su seconde case e barche e ha introdotto correttivi per evitare problemi con il governo (dubbi di costituzionalità) e l'Ue. A pagare sarà chi non ha la residenza in Sardegna, cioè non meno di 200 forse 300 mila proprietari (compresi gli emigrati sardi). Per le case la prima scadenza è imminente: a giugno si dovrà versare l'imposta per il 2006, che non aveva potuto essere riscossa perché non era stata ancora istituita l'Agenzia regionale delle entrate. A novembre si pagherà l'imposta dovuta per il 2007.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it