ricerca immobili

30 aprile 2007

Il disagio dell'affitto

Sono 4 milioni e 180mila le famiglie che vivono attualmente in affitto in Italia, pari al 18,7% delle famiglie (erano il 20,3% nel 2004), sono una minoranza rispetto ai proprietari di case e non hanno vita facile, soprattutto nelle grandi città. Ecco i dati forniti da Censis-Sunia-Cgil.
I prezzi di mercato degli affitti in Italia sono cresciuti negli ultimi anni in maniera considerevole, in modo particolare nelle grandi aree urbane. Se si considera l'andamento dei valori negli anni successivi alla riforma degli affitti, quindi nel periodo 1999-2006, si è registrato un incremento del 112%. A scattare la fotografia sul settore affittuario è il Censis, il Sunia e la CGIL che hanno realizzato negli scorsi mesi un'indagine diretta presso un campione di 5.000 famiglie in affitto, i cui risultati, rappresentativi dell'intera realtà nazionale, offrono un quadro aggiornato su diversi aspetti di questo comparto. Un fenomeno generale che ha avuto le punte più alte nelle grandi città e in particolare nel centro Italia (per gli alti valori di Roma e Firenze), dove i canoni di mercato hanno continuato a salire in misura più rilevante anche negli ultimi quattro anni determinando un incremento complessivo del 128% nello stesso periodo. I prezzi di mercato in alcune grandi città italiane del centro nord risultano in linea o addirittura superiori a quelli di alcune città europee. Si paga in media 1.600 euro al mese per 100 mq nel centro di Roma e Milano, 2.200 euro a Parigi, 4.000 euro a Londra, e solo 900 euro a Berlino. Riguardo al canone pagato dalle famiglie in affitto, l'indagine ha rilevato un valore medio nazionale, nel settore privato, pari a 440 euro mensili (una precedente indagine del Sunia del 2003 indicava un valore medio nazionale pari a 387 euro al mese). Si tratta di un valore medio nazionale dei canoni in essere (e non dei prezzi oggi sul mercato di chi ricerca un alloggio in affitto), rispetto al quale si registrano variazioni considerevoli sul territorio: nel settore privato i valori massimi sono nelle regioni del Centro (580 euro/mese), quelli più bassi al sud (376 euro/mese); nel nord-est il canone medio è pari 454 euro/mese, contro i 426 euro/mese del nord-ovest. Valori molto più elevati si registrano nelle città con più di 250.000 abitanti: 600 euro/mese, un valore del 53% più alto di quello medio registrato nei centri più piccoli. Il disagio di vivere in affitto si misura anche in relazione al reddito delle famiglie: il 76,4% ricade nella fascia di reddito sotto i 20.000 euro, il 20% tra i 20.000 ed i 30.000 euro, e solo il 3,5% dichiara di avere un reddito familiare superiore ai 30.000 euro. Nelle grandi città, dove i canoni sono molto più alti, sono più ampie proprio le fasce più basse: le famiglie in affitto con reddito sotto i 10.000 euro sono il 24,5% contro il 18,1% dei centri con meno di 250.000 abitanti.

Nessun commento:

Posta un commento

Benvenuti, IMMOBILMENTE è anche la tua voce, fatti sentire...
Chiunque ritenga di sentirsi in qualche modo danneggiato dalla presenza di link al proprio sito può chiedere la rimozione dei link o la modifica degli stessi, anche con una semplice e-mail a hardwaristaesoftwarista@hotmail.it